Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo
Xagena Newsletter

Trombectomia endovascolare per ictus ischemico acuto con infarto di grandi dimensioni accertato


Evidenze recenti hanno suggerito un effetto benefico della trombectomia endovascolare nell'ictus ischemico acuto con ampio infarto; tuttavia, studi precedenti si erano basati sull'imaging cerebrale multimodale, mentre la tomografia computerizzata senza contrasto è utilizzata principalmente nella pratica clinica.

In uno studio prospettico multicentrico, in aperto, randomizzato, i pazienti con ictus ischemico acuto dovuto a occlusione di grandi vasi nella circolazione anteriore e un grande infarto accertato indicato da un punteggio ASPECTS ( Alberta Stroke Program Early Computed Tomographic Score ) di 3-5 sono stati randomizzati a ricevere trombectomia endovascolare con trattamento medico oppure solo trattamento medico ( cioè standard di cura ) fino a 12 ore dall'insorgenza dell'ictus.
Lo studio è stato condotto in 40 ospedali in Europa e in un sito in Canada.

L'endpoint primario era l'esito funzionale sull'intero intervallo della scala Rankin modificata a 90 giorni, valutato da ricercatori senza indicazione dell'assegnazione del trattamento. L’analisi primaria è stata effettuata nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
Gli endpoint di sicurezza includevano mortalità e tassi di emorragia intracranica sintomatica e sono stati analizzati nella popolazione di sicurezza, che includeva tutti i pazienti in base al trattamento ricevuto.

Dal 2018 al 2023, 253 pazienti sono stati assegnati in modo casuale, di cui 125 assegnati alla trombectomia endovascolare e 128 al solo trattamento medico.
Lo studio è stato interrotto anticipatamente per motivi di efficacia dopo la prima analisi intermedia pre-pianificata.

A 90 giorni, la trombectomia endovascolare è risultata associata a uno spostamento nella distribuzione dei punteggi sulla scala Rankin modificata verso un esito migliore ( odds ratio [ OR ] comune aggiustato 2.58; P=0.0001 ) e con mortalità più bassa ( hazard ratio, HR=0.67; P=0.038 ).

L'emorragia intracranica sintomatica si è verificata in 7 pazienti ( 6% ) con trombectomia e in 6 ( 5% ) con il solo trattamento medico.

La trombectomia endovascolare è stata associata a un miglioramento dell'esito funzionale e a una minore mortalità nei pazienti con ictus ischemico acuto da occlusione di grandi vasi con infarto di grandi dimensioni accertato in un contesto che utilizzava la tomografia computerizzara senza contrasto come modalità di imaging predominante per la selezione dei pazienti. ( Xagena2023 )

Bendszus M et al, Lancet 2023; 402: 1753-1763

Neuro2023



Indietro