Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Rischio di ictus ischemico nei pazienti con malattia da coronavirus 2019 COVID-19 rispetto ai pazienti con influenza


Non è chiaro se la malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) sia associata a un rischio più elevato di ictus ischemico di quanto ci si aspetti da un'infezione respiratoria virale.

È stato confrontato il tasso di ictus ischemico tra i pazienti con COVID-19 e i pazienti con influenza, una malattia virale respiratoria precedentemente associata a ictus, in uno studio di coorte retrospettivo condotto in due ospedali accademici di New York, che ha incluso pazienti adulti con visite al Pronto soccorso o ricoveri con COVID-19 dal 4 marzo 2020 al 2 maggio 2020.

La coorte di confronto ha incluso adulti con visite al Pronto soccorso o ricoveri per influenza A / B dal 1º gennaio 2016 al 31 maggio 2018, che riguardavano stagioni influenzali moderate e gravi.

È stata esaminata la presenza di infezione da COVID-19 confermata dall'evidenza di grave sindrome respiratoria acuta da coronavirus 2 nel rinofaringe mediante reazione a catena della polimerasi ( PCR ) e influenza A / B confermata in laboratorio.

Un gruppo di neurologi ha preso in esame l'esito primario dell'ictus ischemico acuto e le sue caratteristiche cliniche, i meccanismi e gli esiti.
È stata confrontata la proporzione di pazienti con COVID-19 con ictus ischemico rispetto alla proporzione tra i pazienti con influenza.

Tra 1.916 pazienti con visite al Pronto soccorso o ricoveri con COVID-19, 31 ( 1.6% ) hanno avuto un ictus ischemico acuto.
L'età mediana dei pazienti con ictus era di 69 anni; 18 ( 58% ) erano uomini.
L'ictus è stato il motivo della presentazione in ospedale in 8 casi ( 26% ).

Al confronto, 3 dei 1.486 pazienti con influenza ( 0.2% ) hanno avuto un ictus ischemico acuto.
Dopo l'aggiustamento per età, sesso ed etnia, la probabilità di ictus è stata maggiore con l'infezione da COVID-19 rispetto all'infezione influenzale ( odds ratio, OR=7.6 ).
L'associazione è persistita tra le analisi di sensibilità adattando per i fattori di rischio vascolare, la sintomatologia virale e l'ammissione in terapia intensiva.

In questo studio di coorte retrospettivo condotto da due ospedali accademici di New York, circa l'1.6% degli adulti con COVID-19 che hanno visitato il Pronto soccorso o sono stati ricoverati in ospedale ha manifestato un ictus ischemico, un tasso più elevato di ictus rispetto a una coorte di pazienti con influenza.
Sono necessari ulteriori studi per confermare questi risultati e per indagare sui possibili meccanismi trombotici associati a COVID-19. ( Xagena2020 )

Merkler AE et al, JAMA Neurol 2020; 77: 1366-1372

Neuro2020 Inf2020



Indietro