Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Predittori dello sviluppo di fibrillazione atriale nei pazienti con ictus embolico di origine indeterminata: analisi dello studio RE-SPECT ESUS


Una percentuale di pazienti con ictus embolico di origine indeterminata presenta fibrillazione atriale silente o sviluppa fibrillazione atriale dopo la valutazione iniziale.
Una migliore comprensione del rischio di sviluppo di fibrillazione atriale è fondamentale per implementare strategie di monitoraggio ottimali con l'obiettivo di prevenire ictus ricorrenti attribuibili alla fibrillazione atriale sottostante.

Lo studio RE-SPECT ESUS ( Randomized, Double-Blind Evaluation in Secondary Stroke Prevention Comparing the Efficacy and Safety of the Oral Thrombin Inhibitor Dabigatran Etexilate Versus Acetylsalicylic Acid in Patients With Embolic Stroke of Undetermined Source ) offre l'opportunità di valutare i predittori per lo sviluppo di fibrillazione atriale e ictus ricorrente associato.

RE-SPECT ESUS era uno studio randomizzato e controllato ( 564 siti, 42 Paesi ) che ha valutato Dabigatran ( Pradaxa ) rispetto ad Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) per la prevenzione dell'ictus ricorrente nei pazienti con ictus embolico di origine indeterminata.

Dei 5.390 pazienti arruolati e seguiti per una mediana di 19 mesi, 403 ( 7.5% ) hanno sviluppato fibrillazione atriale segnalata come evento avverso o utilizzando il monitoraggio cardiaco secondo le cure cliniche standard.

Nel modello multivariabile, età avanzata ( odds ratio per aumento di 10 anni, OR=1.99; P minore di 0.001 ), ipertensione ( OR=1.36; P=0.0304 ), diabete mellito ( OR=0.74; P=0.022 ) e indice di massa corporea [ BMI ] ( odds ratio per aumento di 5 U, OR=1.29; P minore di 0.001 ) sono stati predittori indipendenti di fibrillazione atriale durante lo studio.

In un'analisi di sensibilità limitata a 1.117 pazienti con misurazioni di NT-proBNP ( frammento N-terminale del propeptide natriuretico cerebrale ) al basale, solo l'età avanzata e NT-proBNP più alto sono stati predittori indipendenti significativi di fibrillazione atriale.

Sono state valutate le prestazioni di diversi modelli predittivi pubblicati, tra cui HAVOC ( punteggio del rischio di fibrillazione atriale basato su ipertensione, età maggiore o uguale a 75 anni, cardiopatia valvolare, malattia vascolare periferica, obesità, insufficienza cardiaca congestizia e malattia coronarica ) e CHA2DS2-VASc ( punteggio del rischio di ictus basato su insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età maggiore o uguale a 75 anni [ raddoppiato ], diabete mellito, precedente ictus, attacco ischemico transitorio [ TIA ] o tromboembolismo [ raddoppiato ], malattia vascolare, età da 65 a 74 anni e categoria di sesso [ femminile ] ) e punteggi più alti sono stati associati a tassi più alti di probabilità di sviluppare fibrillazione atriale.

Oltre all'età, la variabile più importante, molti altri fattori, tra cui ipertensione, indice di massa corporea più elevato e mancanza di diabete mellito, sono predittori indipendenti di fibrillazione atriale dopo ictus embolico di origine indeterminata.
Quando era disponibile NT-proBNP al basale, solo l'età avanzata e l'aumento di questo biomarcatore sono stati predittivi di fibrillazione atriale successiva.
Capire chi è a più alto rischio di sviluppare fibrillazione atriale aiuterà a identificare i pazienti che potrebbero trarre beneficio da un monitoraggio cardiaco più intenso e a lungo termine. ( Xagena2021 )

Bahit MC et al, Circulation 2021; 144: 1738-1746

Cardio2021 Neuro2021



Indietro