Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Microemorragie cerebrali ed effetto della riduzione intensiva della pressione sanguigna sull'espansione dell'ematoma e sugli esiti funzionali: analisi secondaria dello studio ATACH-2


La risposta all'abbassamento intensivo della pressione arteriosa nell'emorragia intracerebrale ( ICH ) acuta può variare a seconda del grado di malattia dei piccoli vasi cerebrali di fondo.
Sono state caratterizzate le microemorragie cerebrali nella emorragia intracerebrale acuta, ed è stato valutato il potenziale di interazione tra la malattia dei piccoli vasi alla base ( come indicato dal numero e dalla posizione delle microemorragie cerebrali ) e l'assegnazione all’abbassamento intensivo acuto della pressione arteriosa sugli esiti funzionali e l'espansione dell'ematoma.

Sono state eseguite analisi pre-pianificate per sottogruppi nello studio ATACH-2 ( Antihypertensive Treatment of Acute Cerebral Hemorrhage 2 ).
ATACH-2 era uno studio clinico internazionale randomizzato in aperto che ha valutato l'abbassamento ottimale della pressione arteriosa acuta in 1.000 pazienti con emorragia intracerebrale acuta.

I partecipanti sono stati arruolati tra il 2011 e il 2015 e sono stati seguiti per 3 mesi. I partecipanti eleggibili avevano un'età minima di 18 anni con volumi di emorragia intracerebrale inferiori a 60 ml alla tomografia computerizzata ( CT ) e un punteggio di Glasgow Coma Scale di almeno 5 alla valutazione iniziale, in cui il farmaco in studio era stato somministrato entro 4.5 ore dall'esordio dei sintomi.
Sono stati esclusi 833 partecipanti; la valutazione è stata fatta su 167 pazienti.

L'esito primario di interesse era la morte o la disabilità ( punteggio Ranking Scale modificato, 4-6 ) a 3 mesi.
L'esito secondario di interesse era l'espansione del volume dell'ematoma di almeno il 33% alla scansione CT ottenuta 24 ore dopo la randomizzazione rispetto alla scansione all’ingresso.

L'età media dei 167 pazienti era di 61.9 anni, e 98 ( 58.7% ) erano di sesso maschile.
Le microemorragie cerebrali erano presenti in 120 pazienti.

46 pazienti su 157 ( 29.3% ) hanno presentato esito sfavorevole ( punteggio Ranking Scale modificato, maggiore o uguale a 4 ) e l'espansione dell'ematoma è stata osservata in 29 su 144 pazienti ( 20.1% ).

Il rischio di esiti sfavorevoli è stato simile per i pazienti assegnati alla riduzione intensiva della pressione e per quelli assegnati alla riduzione standard nei pazienti con microemorragie cerebrali ( rischio relativo, RR=1.19, P=0.61 ) e quelli senza microemorragie cerebrali ( RR=1.42; P=0.57 ) e non è stata osservata alcuna interazione significativa ( coefficiente di interazione, 0.18; P=0.80 ).

Anche il rischio di espansione dell'ematoma è stato simile e non è stata osservata alcuna interazione significativa tra trattamento e microemorragie cerebrali ( coefficiente di interazione, 0.62, P=0.28 ).

In conclusione, le microemorragie cerebrali sono molto diffuse tra i pazienti con emorragia intracerebrale, ma non sembrano influenzare la risposta al trattamento intensivo acuto sulla pressione arteriosa. ( Xagena2018 )

Shoamanesh A et al, JAMA Neurol 2018; 75: 850-859

Neuro2018 Cardio2018



Indietro