Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Microemorragie cerebrali e rischio di ictus dopo ictus ischemico o attacco ischemico transitorio


Le microemorragie cerebrali sono un biomarcatore di neuroimaging del rischio di ictus. Una domanda clinica cruciale è se le microemorragie cerebrali indichino i pazienti con ictus ischemico recente o attacco ischemico transitorio ( TIA ) in cui è probabile che il tasso di future emorragie intracraniche superi quello dell'ictus ischemico ricorrente trattato con farmaci antitrombotici.

Si è stabilito se un grande carico di microemorragie cerebrali o particolari modelli anatomici di microemorragie cerebrali possano identificare i pazienti con ictus ischemico o con TIA a rischio assoluto più elevato di emorragia intracranica rispetto all'ictus ischemico.

È stata effettuata un'analisi aggregata dei dati di singoli pazienti da studi di coorte in adulti con ictus ischemico recente o TIA.
Le coorti erano ammissibili se avevano reclutato prospetticamente partecipanti adulti con ictus ischemico o attacco ischemico transitorio; includevano almeno 50 partecipanti; avevano raccolto dati sugli eventi di ictus in almeno 3 mesi di follow-up; avevano usato una sequenza MRI ( risonanza magnetica per immagini ) appropriata sensibile alla suscettibilità magnetica; e avevano documentato il numero e la distribuzione anatomica delle microemorragie cerebrali in modo affidabile utilizzando criteri di consenso e scale validate.

Gli esiti primari prespecificati erano un composito di qualsiasi emorragia intracranica sintomatica o ictus ischemico, emorragia intracranica sintomatica e ictus ischemico sintomatico.

Tra il 1996 e il 2018, sono stati identificati 344 studi. Sono stati inclusi nelle analisi 20.322 pazienti di 38 coorti ( oltre 35.225 anni-paziente di follow-up; mediana 1.34 anni ).
L'hazard ratio aggiustato ( aHR ) ottenuto confrontando i pazienti con microemorragie cerebrali con quelli senza è stato pari a 1.35 per l'esito composito di emorragia intracranica e ictus ischemico; 2.45 per emorragia intracranica e 1.23 per ictus ischemico.

L'aHR è aumentato con l'aumentare del carico di microemorragie cerebrali per emorragia intracranica, ma questo effetto è risultato meno marcato per l'ictus ischemico ( per 5 o più microemorragie cerebrali, aHR 4.55 per emorragia intracranica vs 1.47 per ictus ischemico; per 10 o più microemorragie cerebrali, aHR 5.52 vs 1.43; e per 20 o più microemorragie cerebrali, aHR 8.61 vs 1.86 ).

Tuttavia, indipendentemente dalla distribuzione o dal carico anatomico delle microemorragie cerebrali, il tasso di ictus ischemico ha superato quello dell'emorragia intracranica ( per 10 o più microemorragie cerebrali, 64 ictus ischemici per 1.000 anni-paziente vs 27 emorragie intracraniche per 1.000 anni-paziente; e per 20 o più microemorragie cerebrali, 73 ictus ischemici per 1.000 anni-paziente vs 39 emorragie intracraniche per 1.000 anni-paziente ).

Nei pazienti con ictus ischemico recente o attacco ischemico transitorio, le microemorragie cerebrali sono associate a un rischio relativo maggiore ( aHR ) di successiva emorragia intracranica rispetto all'ictus ischemico, ma il rischio assoluto di ictus ischemico è superiore a quello dell'emorragia intracranica, indipendentemente dalla presenza di microemorragie cerebrali, distribuzione anatomica o carico. ( Xagena2019 )

Wilson D et al, Lancet Neurology 2019; 18: 653-665

Neuro2019



Indietro