Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto della coesistenza di malattia vascolare sul rischio a lungo termine di eventi ricorrenti dopo attacco ischemico transitorio o ictus


Si è determinato se i pazienti con attacco ischemico transitorio ( TIA ) o ictus ischemico con malattie cardiovascolari coesistenti ( cioè storia di malattia coronarica o malattia arteriosa periferica ) sono ancora ad alto rischio di eventi ischemici ricorrenti nonostante le attuali linee guida di prevenzione secondaria.

In uno studio basato sulla popolazione nell'Oxfordshire, nel Regno Unito ( Oxford Vascular Study ), sono stati studiati pazienti consecutivi con TIA o ictus ischemico per il periodo 2002-2014.
I pazienti sono stati trattati secondo le attuali linee guida di prevenzione secondaria e sono stati determinati i rischi di eventi coronarici, ictus ischemico ricorrente e sanguinamento maggiore stratificando per la presenza di coesistenti malattie cardiovascolari.

Tra 2.555 pazienti ( 9.148 anni-paziente di follow-up ), quelli ( n=640; 25.0% ) con malattie cardiovascolari coesistenti ( 449 solo coronariche; 103 solo periferiche; 88 entrambi ), rispetto a quelli senza, avevano un rischio più elevato a 10 anni di eventi coronarici ( 22.8% vs 7.1%, P minore di 0.001; hazard ratio aggiustato per età e sesso, aHR=3.07 ) e di ictus ischemico ricorrente ( 31.5% vs 23.4%, P=0.0049; HR aggiustato per età e sesso, aHR=1.23 ), nonostante tassi simili di utilizzo di farmaci antitrombotici e ipolipemizzanti.

Tuttavia, nei pazienti con TIA / ictus non-cardioembolico, il rischio di sanguinamenti extracranici era più elevato anche nei pazienti con malattie cardiovascolari coesistenti, in particolare nei pazienti di età inferiore a 75 anni ( 8.1% vs 3.4%; P=0.0050; HR aggiustato per età e sesso, aHR=2.71 ), sebbene il rischio di emorragia intracerebrale non fosse aumentato ( HR aggiustato per età e sesso, aHR=0.36 ).

Come negli studi precedenti, i pazienti con TIA / ictus con malattie cardiovascolari coesistenti rimangono ad alto rischio di eventi ischemici ricorrenti nonostante l'attuale gestione.
Un abbassamento dei lipidi più intenso potrebbe quindi essere giustificato, ma i benefici di un maggiore trattamento antitrombotico potrebbero essere compensati dal maggior rischio di sanguinamento extracranico. ( Xagena2019 )

Boulanger M et al, Neurology 2019; 93: e695-e707

Neuro2019 Cardio2019



Indietro