Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetti della riduzione della pressione arteriosa sulla mortalità e sulla disabilità maggiore nei pazienti con ictus ischemico acuto


Nonostante sia stato dimostrato il beneficio di ridurre la pressione del sangue per la prevenzione primaria e secondaria dell'ictus, l'effetto del trattamento antipertensivo nei pazienti con ictus ischemico acuto è incerto.

Lo studio clinico randomizzato in singolo cieco CATIS ( China Antihypertensive Trial in Acute Ischemic Stroke ) ha valutato se la riduzione immediata della pressione arteriosa nei pazienti con ictus ischemico acuto possa ridurre la morte e la disabilità maggiore a 14 giorni o alla dimissione dall'ospedale.

Lo studio è stato condotto tra 4.071 pazienti con ictus ischemico senza trombolisi entro 48 ore dalla insorgenza ed elevata pressione sanguigna sistolica.

I pazienti sono stati reclutati da 26 ospedali in tutta la Cina nel periodo 2009-2013.
I pazienti ( n=2.038 ) sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il trattamento antipertensivo ( volto a ridurre la pressione sanguigna sistolica dal 10% al 25% entro le prime 24 ore dopo la randomizzazione, a raggiungere una pressione sanguigna inferiore a 140/90 mm Hg entro 7 giorni e a mantenere questo livello durante il ricovero ) o a interrompere tutti i farmaci antipertensivi ( controllo ) durante l'ospedalizzazione ( n=2.033 ).

L’esito primario era una combinazione di morte e di grave invalidità ( punteggio sulla Rankin Scale modificata maggiore o uguale a 3 ) a 14 giorni o alla dimissione dall'ospedale.

La pressione sistolica si è ridotta da 166.7 mmHg a 144.7 mm Hg ( -12.7% ) entro 24 ore nel gruppo di trattamento antipertensivo e da 165.6 mmHg a 152.9 mm Hg ( -7.2% ) nel gruppo di controllo entro 24 ore dopo la randomizzazione ( differenza -5.5%; differenza assoluta, -9.1 mmHg; P minore di 0.001 ).

La pressione arteriosa sistolica media era di 137.3 mmHg nel gruppo di trattamento antipertensivo e di 146.5 mmHg nel gruppo di controllo 7 giorni dopo la randomizzazione ( differenza -9.3 mmHg; P minore di 0.001 ).

L'esito primario non differiva tra i gruppi di trattamento ( 683 eventi, trattamento antipertensivo, vs 681 eventi, controllo; odds ratio, OR=1.00; P=0.98 ) a 14 giorni o alla dimissione dall'ospedale.

L'esito composito secondario di morte e di grave invalidità al follow-up a 3 mesi post-trattamento non differiva tra i gruppi di trattamento ( 500 eventi, trattamento antipertensivo, vs 502 eventi, controllo; OR=0.99; P=0.93 ).

In conclusione, tra i pazienti con ictus ischemico acuto, la riduzione della pressione arteriosa con farmaci antipertensivi, in confronto all'assenza di farmaci ipertensivi, non ha ridotto il rischio di morte e di grave invalidità a 14 giorni o alla dimissione dall'ospedale. ( Xagena2014 )

He J et al, JAMA 2014; 311: 479-489

Cardio2014 Neuro2014



Indietro