Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Doppia terapia antiaggregante versus monoterapia, somministrate precocemente, per ictus ischemico acuto non-cardioembolico o attacco ischemico transitorio


Studi emergenti suggeriscono che la somministrazione precoce della doppia terapia antiaggregante potrebbe essere migliore della monoterapia per la prevenzione della recidiva precoce di ictus e degli esiti cardiovascolari negli episodi di ictus ischemico acuto e attacco ischemico transitorio ( TIA ).

È stata eseguita una meta-analisi di studi randomizzati e controllati per valutare la doppia terapia antiaggregante rispetto alla monoterapia per ictus ischemico acuto non-cardioembolico o attacco ischemico transitorio.

Sono stati valutati studi randomizzati e controllati che hanno esaminato la doppia terapia antiaggregante in confronto con la ionoterapia, pubblicati fino a novembre 2012, e lo studio CHANCE ( Clopidogrel in High-risk patients with Acute Non-disabling Cerebrovascular Events ) per gli esiti di efficacia e sicurezza in pazienti adulti con ictus ischemico acuto o attacco ischemico transitorio non-cardioembolico con trattamento iniziato entro 3 giorni dall’ictus.

In totale, sono stati inclusi nella revisione sistematica e meta-analisi 14 studi con 9.012 pazienti.

La doppia terapia antiaggregante ha ridotto significativamente il rischio di recidiva di ictus ( risk ratio, RR=0.69, P minore di 0.001 ) e l'endpoint composito di ictus, attacco ischemico transitorio, sindrome coronarica acuta e ogni tipo di decesso ( RR=0.71, P minore di 0.001 ), rispetto alla monoterapia, e ha aumentato in modo non-significativo il rischio di sanguinamento maggiore ( RR=1.35, P=0.37 ).

Le analisi limitate allo studio CHANCE o agli studi in doppio cieco, randomizzati, controllati, hanno mostrato risultati simili.

In conclusione, per i pazienti con ictus ischemico acuto non-cardioembolico o attacco ischemico transitorio, la doppia terapia è risultata più efficace della monoterapia nel ridurre i rischi di recidiva precoce di ictus.
I risultati dello studio CHANCE sono coerenti con gli studi precedenti, effettuati in altre parti del mondo. ( Xagena2013 )

Wong KSL et al, Circulation 2013; 128: 1656-1666

Neuro2013 Farma2013


Indietro