XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN
Amsterdam congress
Tumori testa-collo

Predittori di ictus dopo attacco ischemico transitorio nei bambini


L’attacco ischemico transitorio ( TIA ) nei bambini ha ricevuto decisamente meno attenzione rispetto ai TIA degli adulti.
I fattori di rischio di ictus dopo TIA nei bambini sono relativamente sconosciuti.

Uno studio ha voluto determinare la percentuale di bambini che vanno incontro a ictus dopo TIA e i fattori di rischio associati all’ictus dopo attacco ischemico transitorio.

Sono state esaminate le cartelle cliniche dei bambini ricoverati nell’anno 2010 presso il Boston Children’s Hospital ( Stati Uniti ).

Sono stati inclusi nello studio i bambini che erano stati valutati nel corso del 2009 fino al 2010 per TIA e disponevano di immagini di risonanza magnetica.
E’ stato esaminato l'imaging di follow-up fino ad agosto 2014 per ictus successivo.

Sono stati identificati 63 bambini che avevano sperimentato un TIA.

Il tempo medio di imaging di follow-up è stato di 4.5 anni dopo la presentazione di TIA.

Tra i 63 bambini, 10 ( 16% ) hanno sviluppato evidenza radiologica di danno cerebrale ischemico nel corso del periodo di follow-up.

Quattro di 10 ( 6% ) bambini hanno presentato anomalie di diffusione alla risonanza magnetica per immagini alla presentazione del TIA, mentre 8 ( 13% ) sono andati incontro a un ictus dopo il TIA.

L’arteriopatia, il sesso femminile, e i disturbi autoimmuni sono risultati significativamente associati con l’ictus dopo il TIA.

Nella coorte di bambini studiata, l’ictus si è verificato dopo TIA a un tasso simile a quello osservato negli adulti, ma i fattori di rischio per l'ictus dopo TIA nei bambini sono diversi. ( Xagena2016 )

Lehman LL et al, Stroke 2016; 47: 88-93

Neuro2016 Pedia2016



Indietro