Tumori testa-collo
Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN

Trombectomia endovascolare dopo ictus ischemico dei grandi vasi


Nel 2015, cinque studi randomizzati hanno dimostrato l'efficacia della trombectomia endovascolare nel corso di cure mediche standard in pazienti con ictus ischemico acuto causato da occlusione delle arterie del circolo anteriore prossimale.
In questa meta-analisi i dati individuali dei pazienti di questi studi sono stati raggruppati per capire se la terapia è efficace attraverso le diverse popolazioni incluse.

È stata formata la collaborazione HERMES per mettere in comune dati di cinque studi ( MR CLEAN, ESCAPE, REVASCAT, SWIFT PRIME, e EXTENDIA ) effettuati tra il 2010 e il 2014.

In questi studi, i pazienti con ictus ischemico acuto causato dall'occlusione del circolo anteriore dell'arteria prossimale sono stati assegnati in modo casuale a ricevere trombectomia endovascolare entro 12 ore dall'insorgenza dei sintomi o cure standard ( controllo ), con l’esito primario di ridurre la disabilità alla Rankin Scale modificata ( mRS ) a 90 giorni, ed è stata esaminata l'eterogeneità di questo effetto di trattamento in tutti i sottogruppi prespecificati.

Sono stati calcolati gli odds ratio comuni ( cOR ) per l'endpoint primario in tutta la popolazione ( analisi shift ) e in sottogruppi dopo aggiustamento per età, sesso, gravità dell'ictus basale ( punteggio NIHSS [ National Institutes of Health Stroke Scale ] ), sito di occlusione ( carotide interna vs segmento M1 dell'arteria cerebrale media vs segmento M2 dell'arteria cerebrale media ), Alteplase per via endovenosa ( sì versus no ), punteggio al basale Alberta Stroke Program Early CT, e tempo dall’ictus alla randomizzazione.

Sono stati analizzati i dati individuali per 1.287 pazienti ( 634 assegnati a trombectomia endovascolare, 653 assegnati al controllo ).

La trombectomia endovascolare ha portato a ridotta disabilità a 90 giorni in modo significativo rispetto al controllo ( cOR aggiustato 2.49, P minore di 0.0001 ).

Il numero necessario da trattare con trombectomia endovascolare per ridurre la disabilità di almeno un livello alla scala mRS per un paziente era 2.6.

L'analisi per sottogruppi dell'endpoint primario non ha mostrato eterogeneità degli effetti del trattamento in tutti i sottogruppi prespecificati per ridotta disabilità ( P per interazione=0.43 ).

Dimensioni dell'effetto che favorivano la trombectomia endovascolare rispetto al controllo erano presenti in diversi strati di particolare interesse, anche nei pazienti di età di 80 anni o superiore ( cOR 3.68 ), quelli randomizzati più di 300 minuti dopo l’insorgenza dei sintomi ( 1.76 ), e quelli non-adatti ad Alteplase per via endovenosa ( 2.43 ).

La mortalità a 90 giorni e il rischio di ematomi parenchimali ed emorragia intracranica sintomatica non differivano tra le popolazioni.

La trombectomia endovascolare è di beneficio per la maggior parte dei pazienti con ictus ischemico acuto causato da occlusione del circolo anteriore prossimale, indipendentemente dalle caratteristiche del paziente o dalla localizzazione geografica.
Questi risultati avranno implicazioni globali sui sistemi di strutturazione delle cure per fornire un trattamento tempestivo ai pazienti con ictus ischemico acuto a causa di occlusioni dei grandi vasi. ( Xagena2016 )

Goyal M et al, Lancet 2016; 387: 1723-1731

Neuro2016



Indietro