Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology
Tumori testa-collo

Rischio di ictus ricorrente e microsanguinamenti cerebrali nell’ictus ischemico e nell’attacco ischemico transitorio


Sono state determinate le associazioni tra microsanguinamenti cerebrali e rischio di ictus ischemico ricorrente ed emorragia intracerebrale dopo ictus ischemico o attacco ischemico transitorio ( TIA ).

Sono stati identificati studi prospettici di pazienti con ictus ischemico o TIA che hanno esaminato il rischio di microsanguinamenti cerebrali e ictus ( ischemico ischemico ed emorragico ) durante 3 o più mesi di follow-up.

I microsanguinamenti cerebrali sono stati classificati in base al carico ( singolo, 2-4, e 5 o più microsanguinamenti cerebrali ) e alla distribuzione.

Sono stati calcolati i tassi di eventi assoluti e i rapporti di rischio [ dati aggregati ] ( RR ).

Sono stati inclusi 5.068 pazienti provenienti da 15 studi.

Ci sono stati 115/1.284 ( 9.6% ) eventi di ictus ischemico nei pazienti con microsanguinamenti cerebrali rispetto a 212/3.781 ( 5.6% ) eventi nei pazienti senza microsanguinamenti cerebrali ( RR [ dati aggregati ] 1.8 per microsanguinamenti cerebrali versus nessun microsanguinamento cerebrale ).

Ci sono stati 49/1.142 ( 4.3% ) eventi di emorragia intracerebrale nei pazienti con microsanguinamenti cerebrali rispetto a 17/2.912 ( 0.58% ) eventi in quelli senza microsanguinamenti cerebrali ( RR [ dati aggregati ] 6.3 per microsanguinamenti cerebrali vs nessun microsanguinamento cerebrale ).
Il crescente carico di microsanguinamenti cerebrali ha aumentato il rischio di ictus ischemico ( RR [ dati aggregati ] 1.8, 2.4 e 2.7 per 1 microsanguinamento cerebrale, 2-4 microsanguinamenti cerebrali e 5 o più microsanguinamenti cerebrali, rispettivamente ) e di emorragia intracerebrale ( RR [ dati aggregati ] 4.6, 5.6 e 14.1 per 1 microsanguinamento cerebrale, 2-4 microsanguinamento cerebrale e 5 o più microsanguinamenti cerebrali, rispettivamente ).

In conclusione, i microsanguinamenti cerebrali sono associati ad aumentato rischio di ictus dopo ictus ischemico o TIA.
Con l'aumento del carico di microsanguinamenti cerebrali, rispetto a nessun microsanguinamento cerebrale, il rischio di emorragia intracranica aumenta più rapidamente rispetto a quello di ictus ischemico.
Tuttavia, i tassi assoluti di eventi di ictus ischemico rimangono superiori ai tassi di eventi assoluti di emorragia intracranica in tutte le categorie di carico di microsanguinamenti cerebrali. ( Xagena2016 )

Wilson D et al, Neurology 2016; 87: 1501-1510

Neuro2016



Indietro