Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN
Tumori testa-collo

Il trattamento precoce con trombectomia endovascolare migliora gli esiti di ictus ischemico


Il trattamento endovascolare precoce con trombectomia più terapia medica rispetto alla sola terapia medica è associato a minore disabilità a 3 mesi dall’ictus ischemico.

La trombectomia endovascolare con dispositivi di seconda generazione è vantaggiosa per i pazienti con ictus ischemico causato da occlusioni di grossi vasi intracranici.

È stato caratterizzato il periodo in cui la trombectomia endovascolare è associata a un beneficio, e la misura in cui il ritardo nel trattamento è correlato a risultati funzionali, mortalità ed emorragia intracranica sintomatica.

I cinque studi clinici identificati hanno arruolato pazienti presso 89 siti internazionali.

Le esposizioni esaminate sono state la trombectomia endovascolare più terapia medica rispetto alla terapia medica da sola; il tempo di trattamento.

L'esito primario era il grado di disabilità ( range mRS, 0-6; i punteggi più bassi sono indice di minore disabilità ) a 3 mesi, analizzato con common odds ratio ( cOR ) per rilevare fluttuazioni nella distribuzione della disabilità nel range mRS; gli esiti secondari includevano l'indipendenza funzionale a 3 mesi, la mortalità a 3 mesi, e la trasformazione emorragica sintomatica.

Tra tutti i 1.287 pazienti ( trombectomia endovascolare più terapia medica, n=634; terapia medica da sola, n=653 ) arruolati nei 5 studi clinici ( età media 66.5 anni; donne, 47.0% ), il tempo dalla insorgenza dei sintomi alla randomizzazione è stato di 196 minuti.

Nel gruppo endovascolare, il tempo tra insorgenza dei sintomi e puntura arteriosa è stato di 238 minuti e il tempo tra insorgenza dei sintomi e riperfusione è stato di 286 minuti.

A 90 giorni, il punteggio medio alla scala mRS è stato pari a 2.9 nel gruppo endovascolare e a 3.6 nel gruppo terapia medica.

La probabilità di ottenere migliori risultati di disabilità a 90 giorni ( distribuzione alla scala mRS ) con il gruppo endovascolare è diminuita con un tempo più lungo dall'inizio dei sintomi alla puntura arteriosa: cOR a 3 ore, 2.79, differenza di rischio assoluto ( ARD ) per punteggi di disabilità più bassi, 39.2%; cOR a 6 ore, 1.98, ARD, 30.2%; cOR a 8 ore, 1.57, ARD, 15.7%, mantenendo significatività statistica dopo 7 ore e 18 minuti.

Tra i 390 pazienti che hanno raggiunto una notevole riperfusione con la trombectomia endovascolare, ogni ritardo di 1 ora alla riperfusione era associato a un grado meno favorevole di disabilità ( cOR, 0.84; ARD, -6.7% ) e con meno indipendenza funzionale ( OR=0.81, ARD, -5.2% ), ma con nessun cambiamento nella mortalità ( OR=1.12; ARD, 1.5% ).

In conclusione, in questa meta-analisi di pazienti con ictus ischemico dei grandi vasi, il trattamento endovascolare precoce con trombectomia più terapia medica rispetto alla sola terapia medica era associato a più bassi gradi di disabilità a 3 mesi.
Il beneficio diventava non-significativo dopo 7.3 ore. ( Xagena2016 )

Saver JL et al, JAMA 2016; 316: 1279-1289

Neuro2016



Indietro