XVII Congresso Nazionale SIRN
Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology

Effetto del controllo della pressione arteriosa intensivo versus usuale sulla funzione renale tra gli individui con precedente ictus lacunare


L'effetto dell’abbassamento intensivo della pressione arteriosa sulla funzione renale tra gli individui con malattia cerebrovascolare accertata e velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) conservata non è ben definito.

Tra 2.610 partecipanti randomizzati a un più basso ( inferiore a 130 mm Hg ) rispetto a un più elevato ( 130-149 mm Hg ) obiettivo di pressione sistolica con misurazioni ripetute di creatinina sierica, sono state valutate le differenze in base al braccio di studio nella diminuzione di eGFR annualizzato e nella riduzione rapida ( calo di eGFR superiore al 30% ).

Sono state valutate le associazioni di trattamento e declino della funzione renale con ictus, eventi vascolari maggiori, e composito di ictus, morte, eventi vascolari maggiori, o infarto miocardico.
Le analisi sono state condotte per braccio di trattamento.

L'età media dei partecipanti era di 63 anni; 949 ( 36% ) erano diabetici; l’eGFR media era pari a 80 ml x min-1 x 1.73 m-2.

A 9 mesi, la pressione sistolica raggiunta è stata di 137 versus 127 mm Hg nel gruppo con più alti livelli pressori, rispetto al gruppo di più bassi livelli, e le differenze si sono mantenute nell'arco del follow-up ( media, 3.2 anni ).

Rispetto all’obiettivo pressorio più alto, quello più basso ha presentato un più veloce declino di eGFR di -0.50 ml x min-1 x 1.73 m-2 all'anno.
Le differenze erano più pronunciate durante il primo anno ( -2.1 ml x min-1 x 1.73 m-2 ), mentre i tassi di declino di eGFR non differivano dopo l’anno 1 ( -0.095 ).

In totale, 313 pazienti ( 24% ) nel gruppo bassi livelli pressori sono andati incontro a un rapido declino della funzione renale rispetto a 247 ( 19% ) nel gruppo alti livelli pressori ( odds ratio, OR=1.4 ).

Le differenze nel declino rapido in base al braccio di trattamento sono state evidenti nel primo anno ( OR=1.4 ), ma non erano significative dopo il primo anno ( OR=1.0 ).

Il declino rapido è risultato associato a un più alto rischio di ictus, eventi vascolari maggiori, e composito dopo completo aggiustamento tra gli individui randomizzati all’obiettivo pressorio più alto ( hazard ratio per l’ictus, HR=1.93 ), ma non nel braccio con target pressorio più basso ( hazard ratio per l’ictus, HR=0.93; tutti P per interazione minore di 0.06 ).

In conclusione, nei pazienti con precedente ictus lacunare e funzione renale relativamente preservata, l’abbassamento intensivo della pressione arteriosa è risultato associato a una maggiore probabilità di rapido declino della funzione renale.
Le differenze sono state osservate principalmente durante il primo anno di trattamento antipertensivo.
Il rapido declino della funzione renale non era associato ad aumentato rischio di eventi clinici fra i pazienti sottoposti ad intenso abbassamento della pressione arteriosa. ( Xagena2016 )

Peralta CA et al, Circulation 2016; 133: 584-591

Cardio2016 Neuro2016 Nefro2016


Indietro