Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN
XXIII World Congress of Neurology

Differenze correlate al sesso nella emorragia intracerebrale primaria


I pazienti con emorragia intracerebrale hanno differenze correlate al sesso nelle caratteristiche demografiche, nella localizzazione della emorragia e nei fattori di rischio vascolare, ma non nella cura dell'ictus, nella mortalità a 3 mesi, o negli esiti sfavorevoli.

Poche informazioni sono disponibili sulle differenze sesso-correlate nella emorragia intracerebrale.

Uno studio osservazionale prospettico ha descritto le differenze di sesso nei dati demografici, nei fattori di rischio vascolare, nella cura dell’ictus, e gli esiti nella emorragia intracerebrale primaria.

BasicMar è un registro ospedaliero di tutti i pazienti con ictus ricoverati in un unico ospedale pubblico che copre una popolazione di 330.000 persone.
Nel periodo 2005-2015 sono stati 515 i pazienti con emorragia intracerebrale primaria acuta registrati.
I dati di esito sono stati ottenuti a 3 mesi.

Più uomini che donne hanno presentato emorragia intracerebrale ( 52.4% vs 47.6% ); le donne erano più anziane e avevano un precedente peggiore stato funzionale rispetto agli uomini, che erano più propensi a bere alcol e a fumare e ad avere cardiopatia ischemica e malattia arteriosa periferica.

Non sono emerse differenze di sesso nella eziologia, gravità, o volume dell’emorragia.

Il punteggio associato a emorragia intracerebrale era maggiore nelle donne che negli uomini ( P=0.018 ).

Le donne avevano più episodi di emorragia intracerebrale lobare rispetto agli uomini ( odds ratio aggiustato per età, OR=1.75, P=0.005 ).

La qualità delle cure per l’ictus è risultata simile in entrambi i sessi.

La mortalità a 3 mesi è stata del 44.1% nelle donne e del 41.1% negli uomini ( P=0.656 ) e gli esiti sfavorevoli a 3 mesi tra i sopravvissuti ( Rankin Scale modificata [ mRS ] punteggio 3-5 ) sono stati 58.4% nelle donne e 45.3% negli uomini ( P=0.027 ).

Dopo aggiustamento per precedenti punteggi alla scala mRS e di emorragia intracerebrale, non vi erano differenze nella mortalità a 3 mesi o nell’esito sfavorevole a 3 mesi tra i sessi.

In conclusione, i pazienti con emorragia intracerebrale hanno mostrato differenze correlate al sesso nelle caratteristiche demografiche, nella localizzazione di emorragia intracerebrale e nei fattori di rischio vascolare, ma non nella cura dell'ictus, nella mortalità a 3 mesi, o negli esiti sfavorevoli regolati. ( Xagena2016 )

Roquer J et al, Neurology 2016; 87: 257-262

Neuro2016



Indietro